SMA Sunny Boy Storage aumenta l’autoconsumo domestico

SMA Sunny Boy Storage aumenta l’autoconsumo domestico

L’adozione di SMA Sunny Boy Storage 2.5 ha consentito a un proprietario di immobile di incrementare la percentuale di energia autoprodotta in autoconsumo.
La decisione di integrare questo inverter con accumulo arriva dopo un’attenta analisi dell’andamento dell’impianto fotovoltaico già installato nella villa circa un anno fa.

L’integrazione con il Sunny Boy Storage 2.5 con batteria TESLA Powerall garantisce una quasi totale autonomia e lo svincolo dagli aumenti dei costi dell’energia elettrica.
L’impianto fotovoltaico e l’impianto solare termico preesistenti sono stati installati su un pergolato costruito appositamente a copertura del terrazzo. Il Sunny Boy Storage 2.5 è stato posizionato in un’area adiacente debitamente protetta. Grazie all’installazione di una presa comandata che aziona in modo programmato la resistenza elettrica del solare termico, in caso di necessità legata a condizioni climatiche sfavorevoli, l’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico ed accumulata nella batteria viene destinata anche al riscaldamento dell’acqua sanitaria.
La soluzione scelta

L’impianto fotovoltaico è costituito da 15 moduli Panasonic VBHN240SE10 per una potenza totale di 3.6 kWp. L’impianto si completa di inverter SMA SBS 2.5-1-Vl-10 e SB 3600 TL-21.
In ottobre 2016, per aumentare la percentuale di autoconsumo dell’energia prodotta, l’impianto è stato dotato del Sunny Boy Storage 2.5 con batteria Tesla Powerwall, che permette l’accumulo dell’energia prodotta in eccesso per destinarla all’autoconsumo quando necessario, riducendo così il prelievo di energia elettrica dalla rete.
Il proprietario dell’impianto grazie alla registrazione al Sunny Portal, il portale gratuito messo a disposizione da SMA, può visualizzare tramite smartphone, tablet o PC i dati di produzione, consumo e autoconsumo dell’impianto ogni volta che lo desidera. Come ulteriore supporto alla gestione e supervisione dell’impianto, è stato installato il sistema di controllo Sunny Home Manager, attraverso il quale il proprietario dell’abitazione ha sempre un’idea chiara dei flussi di energia e può sfruttare al meglio l’energia solare per coprire il fabbisogno energetico della famiglia. È proprio grazie a questi sistemi di controllo dell’impianto fotovoltaico che si è riusciti a monitorare la percentuale di autoconsumo dell’ultimo anno e a decidere di installare il Sunny Boy Storage 2.5 per incrementarla al massimo.

L’impianto produce indicativamente 5 MWh/anno e permette una riduzione delle emissioni di CO2 di circa 3.5 ton/anno.
A curare l’installazione degli impianti fotovoltaico e solare termico è stata la Soc. ESA di Francesco Diaferia Srl che, in fase di progettazione, si è avvalsa dell’assistenza dell’Ing. Michele Farnelli il quale ha curato anche la recente installazione del Sunny Boy Storage 2.5 e supporta il proprietario nella gestione dell’impianto.

Ing. Michele Farnelli, progettista dell’impianto
L’installazione del nuovo Suny Boy Storage 2.5 ha permesso al proprietario di questa abitazione di rendersi quasi totalmente indipendente dai fornitori di energia elettrica. Sulla base dei dati raccolti nei primi due mesi di funzionamento, la percentuale di autoconsumo è passata dal 26% al 90%. Durante le fasi di installazione del Sunny Boy Storage 2.5 mi sono avvalso del servizio assistenza di SMA Italia che, in brevissimo tempo e con l’efficienza che la contraddistingue da sempre, mi ha fornito via e-mail il file di aggiornamento del firmware proveniente dall’inverter.