Tecnologie per la pulizia dei pannelli solari

Per un corretto funzionamento del proprio impianto fotovoltaico è necessario eseguire una manutenzione periodica. In alcuni ambienti e in situazioni critiche, la pulitura programmata può facilitare il mantenimento dell'efficienza complessiva della struttura.

Gli interventi di pulizia dell'array fotovoltaico devono essere considerati all'interno delle normali procedure di manutenzione dell'impianto. Questo vale in particolar modo quando ci troviamo in ambienti problematici e in presenza di un atmosfera "ostile". Vento, neve, pioggia e ogni sorta di sporcizia in sospensione possono creare una patina che porta a una riduzione dell'efficienza generale del sistema, oltre a una corrosione anticipata di alcuni componenti e particolari costruttivi.

Tra i principali fattori che sono alla base delle perdite di rendimento c'è lo sporco, più precisamente, un insieme di elementi che si possono addensare sulla superficie esposta al sole. Tra questi, per esempio, la polvere naturalmente presente nell'aria e le micro particelle derivanti dall'inquinamento. Ulteriori elementi che possono incrementare lo strato di sporcizia sono gli escrementi dei volatili e le resine degli alberi che si trovano nelle vicinanze, oltre a possibili insediamenti di spore, muffe e muschio.

Il passaggio della pioggia consente di rimuovere solo parte di questi agenti, dato che le singole gocce in caduta sono soggette ad aggregazione con altri elementi e non completamente pure. L'acidità presente in alcuni strati dell'aria, lo smog, la fuliggine sono solo alcune delle sostanze che si aggregano alla pioggia prima che arrivi al suolo.

Indice articoli