La Aalto University sviluppa celle al silicio nero

Il Fraunhofer ISE CalLab certifica il record recentemente ottenuto dalla Aalto University, che ha adottato celle al silicio nero per raggiungere un rendimento del 22,1%.


Per superare il precedente miglior risultato, inferiore di circa il 4%, i laboratori finlandesi hanno scelto di adottare una particolare pellicola passivante e speciali contatti metallici sul backplate delle celle.

Il pregio della struttura riguarda la capacità di minimizzare eventuali problemi di ricombinazione della superficie, che ora vanta una efficienza quantica esterna certificata del 96%, lavorando con una lunghezza d'onda di 300 nm.
Il prossimo passaggio, dopo lo stage sperimentale, riguarda l'integrazione di questi processi a livello industriale, per poter beneficiare di una così alta efficienza in ambito commerciale e industriale. Proprio per questo il team di esperti porterà avanti il progetto con il supporto di importanti brand di settore.

 

Tagged under: ricerca tecnologia sviluppo