E.ON e Google espandono il potenziale del fotovoltaico con Sunroof

E.ON e Google espandono il potenziale del fotovoltaico con Sunroof

E.ON e Google avviano una partnership per offrire in Germania la piattaforma Sunroof, utile per determinare la potenziale capacità solare e generare piani di installazione.
Il sistema, diffuso per la prima volta al di fuori degli USA, è in grado di coprire circa 7 milioni di edifici tramite sito web, compresi quelli in grandi aree urbane come Monaco, Berlino e Ruhr. Per ottenere una valutazione è sufficiente inserire l’indirizzo designato online.
E.ON, Google e il produttore di software Tetraeder si uniscono per promuovere l'espansione dell'energia solare in Germania e lo fanno tramite l’iniziativa Sunroof, che riunisce tecnologie come Google Earth e Maps, modelli 3D e meccanismi di apprendimento automatico.

La piattaforma è in grado di calcolare quanta luce solare irradia direttamente un determinato tetto nel corso di un intero. Sunroof prende in considerazione i dati meteorologici, la posizione del sole in diverse stagioni, l'area e la pendenza del tetto, nonché le ombre degli edifici circostanti o degli alberi. Tutti questi dati sono adottati per il calcolo finale e convertiti in un report facilmente comprensibile.
I proprietari di abitazione interessati non solo possono determinare il loro potenziale solare, ma possono anche assemblare un pacchetto tutto compreso che include moduli fotovoltaici, un'unità di accumulo Aura e E.ON SolarCloud. Inoltre, con la sua "Sunshine Guarantee", E.ON garantisce la producibilità dell’impianto in funzione delle stime effettuata, impegnandosi a fornire unacompensazione finanziaria per eventuali mancanze.

Negli Stati Uniti, Sunroof è in funzione dal 2015, che copre circa 60 milioni di edifici. In media, il 79% di tutti i tetti provati si è rivelato idoneo per l'energia solare. Gli Stati del sud, come l'Arizona, hanno raggiunto valori di picco di oltre il 90%, ma anche gli stati settentrionali come il Maine hanno raggiunto valori superiori al 60%. Ciò indica il considerevole potenziale del solare. I tetti in una città come Houston, Texas, potrebbero generare circa 19.000 GWh di energia elettrica ogni anno, corrispondenti ai requisiti di potenza di 1,7 milioni di famiglie.