Tawaki, lo storage residenziale MAUI e i piani per il futuro

Tawaki svela lo storage residenziale MAUI e i piani per il futuro

Tawaki è una giovane realtà italiana attiva nel settore dello storage, con forte vocazione in ambito automotive e pronta a innovare i sistemi di accumulo energetico.
A illustrare le qualità della poliedrica società, Fabio Patti, Direttore Commerciale di Tawaki, e Claudio Pezzimenti, Membro del Consiglio di Amministrazione.

Come precisato, Tawaki è una joint venture che si sviluppa da due soggetti italiani già strutturati e noti, il Gruppo FAIST e IET, controllata del Gruppo SMRE. La “piccola” startup vanta dunque spalle sufficientemente larghe per poter ampliare il proprio business dal mercato nazionale a quello globale (FAIST vanta 31 stabilimenti nel mondo e sta per compiere 40 anni di attività continua nel comparto meccanico per l’automotive e nel settore degli attuatori). In prospettiva, l’obiettivo dell’azienda è quello di diventare produttori di soluzioni storage su scala globale, ma mantenendo logiche operative e una base saldamente sul territorio.

Tawaki, lo storage residenziale MAUI e i piani per il futuro

Fabio Patti, Direttore Commerciale di Tawaki

Già oggi, Tawaki è fortemente specializzata nello sviluppo e nella produzione di batterie e sistemi di accumulo energetico innovativi. Il continuo sviluppo e l’adozione di tecnologie all’avanguardia permetteranno alla società di offrire soluzioni avanzate a supporto della mobilità ibrida ed elettrica, ma anche per l'accumulo elettrico e le applicazioni che richiedono indipendenza energetica e ampio supporto per l’autoconsumo localizzato.
Con sede a Umbertide, in provincia di Perugia, l’azienda è attiva dal 2016 e può contare su un reparto R&D giovane e solido. Si tratta di un punto di partenza fondamentale, come sottolinea Patti, un tassello essenziale per poter offrire al mercato le soluzioni tecnologiche evolute.

Attualmente Tawaki può soddisfare le esigenze di alcuni mercati automotive, servendo prevalentemente segmenti verticali, come quello dei Go Kart elettrici, sia per fini di intrattenimento, sia a livello racing.

La presentazione alla stampa, avvenuta in questi giorni, ha però come tema lo storage di energia, con particolare riferimento al settore residenziale.

Tawaki, lo storage residenziale MAUI e i piani per il futuro

In questo senso Tawaki ha svelato RESS (Residential Energy Storage System) denominato MAUI. Stiamo parlando di un pacco batterie dal prezzo particolarmente allettante, un device per interni ed esterni, particolarmente compatto, piacevole da vedere e capace di accoppiarsi idealmente con qualsiasi infrastruttura preesistente.
Il sistema, diversamente da quanto presentato la scorsa settimana da Varta con il suo pulse, non include un inverter e necessita pertanto di opportuni collegamenti a un impianto precedentemente strutturato.
MAUI nasce per soddisfare le esigenze moderne di indipendenza energetica e di autoconsumo e rappresenta il naturale complemento per gli impianti fotovoltaici da tetto, che ormai molti italiani hanno installato.

Il device è costituito da 560 celle cilindriche ad alte prestazioni agli ioni di litio per un totale di 4,3 kWh di capacità (tensione a 48V). Tawaki sviluppa internamente anche tutta la piattaforma di controllo BMS (Battery Management System), indispensabile per orchestrare al meglio le attività dei due pacchi batterie interni.
Le specifiche di base includono una capacità di 86 Ah, possibilità di operare in un range di temperature tra -10°C e +50°C, oltre a un corpo compatto e relativamente leggero (575x575x250 mm - peso: 53 Kg).

Tawaki, lo storage residenziale MAUI e i piani per il futuro

Tawaki esporrà MAUI e numerose altre novità all’EES Europe di Monaco di Baviera in Germania, dal 31 Maggio al 2 Giugno.

Ad arricchire l’offerta della società, nuovi dispositivi modulari per il reparto industriale e commerciale. Si tratta di moduli batteria in formato rackmount (lo stesso adottato dai dispositivi per armadi IT), versioni da 4 kWh e 48 V, contraddistinti da elevate prestazioni e dalla grande scalabilità. Anche in questo caso, l’architettura interna ricalca l’adozione di singole celle, come per la gamma MAUI, dispositivi frutto di un’attenta ingegnerizzazione e fondamentali per garantire la continua crescita dell’impianto installato, in funzione delle necessità del momento.
Tali soluzione, evidenzia Pezzimenti, possono facilmente crescere fino al riempimento di un armadio rack standard. Non solo, ogni rack può essere “parallelato” ai successivi, incrementare la capacità complessiva oltre i 20 kWh del singolo box. Esistono poi soluzioni per ambienti difficili, minigrid e offgrid, realizzate in formato container, che spaziano da 500 kWh a qualche MWh.

Forte di questa base tecnologica “state of the art”, Tawaki prevede un fatturato 2017 di circa 1 mln di Euro, ma punta ai 20 mln entro il 2020 (periodo entro il quale si prospettano crescite del mercato storage di oltre 7,7 mld USD).