SMA Sunny Central UP: 4,6 MW per ridurre i costi d’esercizio

SMA Sunny Central UP: 4,6 MW per ridurre i costi d’esercizio

SMA Solar Technology introduce Sunny Central UP da 4,6 MW, l’inverter per centrali fotovoltaiche più potente del listino, ideale per impianti utility scale.
Grazie all’elevata potenza il nuovo modello permette di ridurre il numero di inverter nei grandi progetti fotovoltaici da 1.500 V in corrente continua, con una significativa diminuzione dei costi di esercizio.
Non solo, Sunny Central UP è il primo inverter centrale a disporre di una soluzione hardware e software completamente integrata per il collegamento dei sistemi di accumulo, che consente di connettere facilmente le batterie sul lato CC senza componenti supplementari.

Grazie a soluzioni già integrate per l’accoppiamento sia di sistemi di accumulo su lato CA sia di batterie sul lato CC, questo inverter garantisce una flessibilità di progettazione particolarmente elevata per centrali fotovoltaiche con potenze dell’ordine dei Megawatt. A seconda dei requisiti del progetto, le soluzioni di accumulo possono quindi essere collegate sul lato CC della centrale fotovoltaica, su quello CA o su entrambi, direttamente al momento della costruzione oppure in un secondo momento.

Sunny Central UP impone nuovi standard anche sotto il profilo della sicurezza.
Gli inverter sono certificati secondo la norma IEEE 2030 e soddisfano inoltre la norma UL 2900-2-2, che conferma il rispetto degli standard internazionali, in particolare in merito alla sicurezza informatica.
Sunny Central UP è attualmente presentato alla Renewable India Expo 2018 e può essere già ordinato.

Boris Wolff, Executive Vice President dell’unità Utility di SMA
Con il nuovo Sunny Central UP, SMA contribuisce a far sì che la quota di fotovoltaico acquisisca un ruolo centrale nell’approvvigionamento di energia del futuro. Efficienti e orientate al futuro, le soluzioni SMA per centrali fotovoltaiche basate sul nuovo Sunny Central UP offrono a imprese EPC, operatori e investitori maggiori rendimenti energetici e più flessibilità nella realizzazione dei progetti, riducendo notevolmente i costi di esercizio dei grandi progetti fotovoltaici.