Il futuro dello storage, intervista a Vincenzo Ferreri di sonnen

Il futuro dello storage, intervista a Vincenzo Ferreri di sonnen

Vincenzo Ferreri, Managing Director Italy di sonnen, risponde alle nostre domande e ci spiega quali saranno le evoluzioni di mercato e le strategie del brand per il 2019.

- Come si posiziona oggi sonnen sul mercato italiano e globale e quali sono i mercati cui vi rivolgete con maggiore priorità?
sonnen è leader di mercato a livello globale per i sistemi di accumulo agli ioni di litio. Grazie al suo progetto è stata riconosciuta come una delle aziende più in espansione sia in Germania che in Europa, ottenendo svariati premi internazionali. Nella graduatoria del Massachusetts Institute of Technology (MIT) sonnen compare infatti accanto ad Amazon, Facebook e Tesla tra le „50 aziende più smart del 2016“.
Nella sede centrale di Wildpoldsried in Baviera sono concentrate le attività di ricerca, sviluppo e produzione per l'Europa, mentre il mercato americano è servito direttamente dalla sede di Atlanta. A livello europeo il Gruppo sonnen è presente, oltre che in Italia, anche in Germania, a Wildpoldsried e a Berlino, in Gran Bretagna, negli USA e in Australia. Altri mercati di sbocco importanti per sonnen sono l'Austria, la Svizzera, l'Irlanda, la Repubblica Ceca, la Svezia, la Norvegia, la Finlandia, la Spagna, la Francia e il Portogallo. In Europa, secondo le più recenti stime EU PD Research, sonnen è leader di mercato con una quota del 21%.

- Il 2018 sta per concludersi, quali bilanci potete fare?
Negli ultimi tre anni sonnen Italia ha registrato una costante crescita esponenziale, grazie anche alla continua innovazione sul prodotto e sul servizio. Oggi l'azienda detiene, nel mercato dello storage, un marketshare del 27%. In particolare, quest'anno sonnen ha attestato un trend di costante crescita in tutto il territorio italiano, seppur in assenza di incentivi regionali. Di pari passo con la crescita dell'azienda, è aumentata la necessità di spazi adeguati e di ampliamento dell'organico: ci siamo di recente trasferiti in uffici più grandi e abbiamo potenziato il nostro organico e il network dei partner, che al momento sono già 150.
Al successo di quest'anno hanno contribuito anche alcuni interessanti progetti, quali il concorso "Acquista una sonnenBatterie - e vinci 3.000 euro", con tre buoni Amazon in palio per i clienti che avessero deciso di dotarsi di una sonnenBatterie nel periodo compreso tra la metà di ottobre e la metà di gennaio 2019.

- Quali sono gli obiettivi di crescita per il medio periodo e quali strategie adotterete per accelerare la crescita nel 2019?
La vera novità di quest'anno, che rientra nelle nostre strategie di crescita a breve e medio termine, è la creazione della nuova divisione sonnen energy Services che porta anche la sede italiana a operare secondo il modello già da anni applicato in Germania. Come? Fornirà direttamente l'energia ai membri della sonnenCommunity, che si è contestualmente evoluta nella versione 2.0. Rispetto alla proposta iniziale della Community 1.0, oggi sonnen mantiene inalterato il bonus energia di 3.000 kWh per 24 mesi, frazionandolo però su base mensile. Chi aderisce alla sonnenCommunity, per 24 mesi, riceve ogni mese un bonus energetico di 125 kWh/mese a copertura della componente energia e uno sconto di 9,90 euro sui restanti costi passanti (quali ad esempio la spesa per il trasporto, la spesa per gli oneri di sistema, altre partite, accise e addizionali), pari al costo dell'abbonamento alla sonnenCommunity. Tale sconto viene garantito al cliente a fronte della possibilità, da parte di sonnen, di utilizzare la sua sonnenBatterie per offrire servizi di stabilizzazione della rete elettrica nazionale nell'area geografica in cui si trova il cliente. L'abbonamento alla sonnenCommunity prevede inoltre anche altri servizi, quali il monitoraggio remoto e il report annuale per ottimizzare l'autoproduzione e l'autoconsumo di energia, oltre a tutti gli aggiornamenti software disponibili.

In Italia lavoriamo con un quadro normativo in continua evoluzione e stiamo lavorando con Terna per partecipare attivamente ai primi test pilota, utilizzando alcune delle nostre sonnenBatterie. Questi test verranno avviati a partire da gennaio 2019. Con la nuova divisione energy Services e la sonnenCommunity 2.0 siamo pronti ad affrontare le sfide del 2019, sia sul fronte dei prodotti che dei servizi. Disponiamo infatti di una gamma completa di sistemi di storage, in grado di soddisfare tutte le esigenze: la sonnenBatterie eco per gli impianti esistenti, la sonnenBatterie hybrid per il nuovo e il sonnenCharger per la ricarica delle auto elettriche. Il nostro valore aggiunto è però rappresentato dai servizi, la sonnenCommunity in primis, che consente di ridurre i costi dell'energia del cliente e di poter accedere ai test per la stabilizzazione della rete.

- Quale osservatore privilegiato, quali cambiamenti state registrando a livello di mercato, ma anche presso partner e clienti?
Al momento c'é molto interesse per il settore delle rinnovabili, anche se molto dipenderà dalle decisioni del governo e dai fondi che si vorranno stanziare per favorire lo storage. Sono però in aumento anche la curiosità e la sensibilità ecologica da parte dei privati, anche se la leva più importante continua a essere il calcolo del vantaggio economico che si può ottenere aderendo alla nostra proposta. E in questo senso la nuova sonnenCommunity 2.0 è destinata a risultare ancora più convincente. Un altro elemento innovativo, rispetto al passato, è il nuovo approccio del cliente nel suo ruolo di "Prosumer", produttore, ma al tempo stesso consumatore ed elemento importante, all'interno della sonnenCommunity, per fornire servizi di stabilizzazione della rete.