Report IEA 2020: lo status dell’energy storage

Report IEA 2020: lo status dell’energy storage

L’organizzazione IEA, nata nel 1974, è al centro del dialogo globale sull’energia: fornisce analisi autorevoli, dati, raccomandazioni politiche e soluzioni reali per aiutare i Paesi a fornire energia sicura e sostenibile per tutti.

Lo scorso giugno l’ente ha pubblicato un report sullo status del mercato dell’energy storage: si tratta di un estratto del World Energy Outlook 2019 volto a esplorare la traiettoria di riduzione dei costi e il potenziale di mercato per lo stoccaggio nello scenario delle politiche. E ha, inoltre, condotto un’analisi circa l’impatto della Covid-19 sul progresso dell’energia pulita nell’energy storage.

Secondo il report, per la prima volta in quasi un decennio le installazioni annuali di tecnologie di stoccaggio dell’energia sono diminuite di anno in anno nel 2019.

In particolare, le installazioni di stoccaggio su scala di rete sono scese del 20%, mentre lo stoccaggio behind-the-meter è rimasto complessivamente piatto nonostante un quasi raddoppio delle batterie residenziali, consolidando uno spostamento verso questo tipo di stoccaggio. La continua incertezza nel principale mercato di crescita del 2018, la Corea, e l’attività debole in Europa e negli Stati Uniti hanno visto un anno poco brillante per lo stoccaggio. Gli eventi del 2019 hanno evidenziato quanto sia fragile la crescita di queste tecnologie, che continuano a dipendere fortemente dall’intervento politico, attraverso il sostegno diretto o la creazione di un mercato. Secondo IEA, lo stoccaggio ha necessità di tornare a una crescita a doppia cifra per rimanere in linea con il percorso SDS (Safety Data Sheet).

Il mercato dello stoccaggio si riduce per la prima volta

In tutto il mondo, nel 2019 sono stati aggiunti ai sistemi elettrici 2,9 GW di capacità di stoccaggio, quasi il 30% in meno rispetto al 2018. I fattori alla base di questa tendenza sottolineano quanto lo stoccaggio rimanga una tecnologia in fase iniziale, presente solo in pochi mercati chiave e fortemente dipendente dal sostegno politico.

Le installazioni annuali sono scese dell’80% in Corea dopo un anno record nel 2018, quando il Paese rappresentava un terzo di tutta la capacità installata nel mondo. Il calo è derivato dalla crescente preoccupazione per diversi incendi in impianti di stoccaggio su scala di rete nel 2018.

Un driver chiave della crescita dello stoccaggio di energia è stata la co-localizzazione di impianti di produzione di energia rinnovabile con asset di stoccaggio di energia appunto, che stabilizza la produzione e garantisce una capacità più solida durante i periodi di picco della domanda.

In UE, la Commissione europea ha segnalato un forte sostegno a lungo termine per lo stoccaggio di energia. Il Clean Energy Package (CEP) europeo ha definito lo stoccaggio come un’entità separata dalla generazione, dalla trasmissione o dal carico, evitando che sia doppiamente tassato quando si carica e si scarica.

Ecco una nota più positiva: sono stati lanciati alcuni progetti pilota in tutta Europa per esplorare nuove applicazioni e mercati per lo stoccaggio: asset di trasmissione in Germania (Netzbooster) e Francia (Ringo), e attraverso l’aggregazione in Italia (UVAM) e nel Regno Unito (da Powervault e Kaluza).

Nel complesso, tuttavia, il tasso di installazione della capacità di stoccaggio in Europa è rallentato del 40% rispetto all’anno precedente. Lo stoccaggio behind-the-meter ha superato la lenta distribuzione di applicazioni su scala di rete, guidata dalla Germania dove oltre 50.000 sistemi sono stati distribuiti fino al 2019 senza alcuna sovvenzione.

Report IEA 2020: lo status dell’energy storage

Le regole di proprietà per lo stoccaggio al centro

Le regole che disciplinano chi dovrebbe possedere e gestire gli asset di stoccaggio sono state a lungo una fonte di contesa nei mercati dell’elettricità, e nel 2019 è aumentato il numero di mercati che hanno deciso o rivisto queste regole.

Al centro della questione: lo stoccaggio può fornire servizi alle reti elettriche, compreso il differimento della trasmissione e della distribuzione, insieme alla flessibilità e ai servizi di bilanciamento nei mercati dell’energia e della capacità? Il CEP europeo, approvato nel maggio 2019, consente agli operatori di trasmissione e distribuzione di possedere e gestire lo stoccaggio solo in circostanze eccezionali, che devono ancora essere codificate nella legislazione nazionale.

Alcune giurisdizioni stanno pianificando attivamente di implementare lo stoccaggio nelle reti: in Germania, una serie di progetti nell’ambito del programma Netzbooster valuterà lo stoccaggio come un asset di trasmissione, e un programma simile in Francia (Ringo) ha ricevuto l’approvazione normativa per iniziare lo sviluppo nel 2020.

La tecnologia agli ioni di litio rimane dominante

Il mix di tecnologie rimane in gran parte invariato rispetto all’anno precedente. Lo stoccaggio delle batterie agli ioni di litio ha continuato a essere il più utilizzato, costituendo la maggioranza di tutta la nuova capacità installata.

Una speculazione chiave per il futuro dello stoccaggio di energia è la misura in cui gli sviluppi della tecnologia EV (Electric Vehicle) possono riversarsi nelle batterie su scala di rete. Dato che il mercato delle batterie EV è già dieci volte più grande di quello delle batterie su scala di rete, gli effetti indiretti dell’innovazione e della riduzione dei costi nelle applicazioni di mobilità potrebbero essere una spinta significativa.

La tecnologia agli ioni di litio rimane dominante, beneficiando delle ricadute nella diffusione dei veicoli elettrici.

L’evidenza del 2019 mostra che gli effetti di ricaduta sono già forti. Circa il 60% delle batterie su scala di rete sono attualmente miscele di nichel-manganese-cobalto, la tecnologia di scelta negli EV. I produttori di batterie EV mirano a sviluppare continuamente una maggiore densità energetica per ridurre i costi iniziali e aumentare la gamma EV, ma questo ha poco impatto sulle applicazioni stazionarie. Quindi, quando le catene di fornitura avanzano verso la prossima miscela o chimica più performante, la tecnologia che può diventare meno attraente per i veicoli elettrici può essere distribuita a un costo inferiore per le applicazioni fisse sulla rete.

Stoccaggio dipendente dagli ambienti politici

Lo stoccaggio ha sottoperformato nel 2019, in gran parte a causa dell’incertezza e dei lenti progressi nella definizione di norme e regolamenti per la sua diffusione e il suo utilizzo.

Il sostegno diretto allo stoccaggio attraverso mandati e politiche rimane l’opzione più comune per incentivare la diffusione, ma – secondo IEA – una maggiore enfasi dovrebbe essere posta sul rendere i regolamenti trasparenti e aperti, e sullo sviluppo di mercati per la capacità, la flessibilità e i servizi ausiliari in modo che lo stoccaggio possa competere con altre tecnologie e misure.

Il ruolo dello stoccaggio nelle reti rimane una questione controversa e i regolamenti dovranno evolvere per riflettere le sue nuove funzioni, compreso lo sfruttamento della flessibilità dall’aggregazione dei consumatori o dalla congestione della rete.

Il report IEA offre, inoltre, alcuni suggerimenti tra cui:

  1. Maggiore flessibilità al centro della progettazione politica anziché focalizzarsi sulle singole tecnologie
  2. Revisione continua dello status dello stoccaggio nei quadri normativi
  3. Espansione del ruolo dello stoccaggio nei mercati dei servizi ausiliari e della flessibilità
  4. Prioritizzare le applicazioni più facilmente accessibili

Fonte: IEA (2020), Energy Storage, IEA, Paris