First Solar: 680 mln USD per il fotovoltaico USA

First Solar: 680 mln USD per il fotovoltaico USA

First Solar annuncia un investimento da 680 milioni di dollari per espandere la capacità produttiva solare fotovoltaica nazionale americana di 3,3 GW DC all'anno, il che rappresenta una spesa di capitale implicita di circa 0,20 dollari per watt. L'azienda intende finanziare la costruzione del suo terzo impianto di produzione statunitense, a Lake Township, Ohio, con le risorse di cassa esistenti.

L’impianto di produzione in Ohio

Contigente ai permessi e in attesa dell'approvazione di vari incentivi statali, regionali e locali, l’impianto dovrebbe entrare in funzione nella prima metà del 2023. Si prevede che raggiunga la sua capacità produttiva (moduli prodotti al giorno) entro la fine dello stesso anno con oltre 3 GW DC di capacità nominale, e si prevede che raggiunga la piena capacità nominale, in base alla tabella di marcia dell'efficienza dei moduli dell'azienda, nel 2025. Quando sarà pienamente operativo, l'impianto scalerà l'impronta dell'azienda nell'Ohio nord-occidentale fino a una capacità totale annua di 6 GW DC, che si ritiene lo renderà il più grande complesso di produzione solare completamente integrato verticalmente fuori dalla Cina.

First Solar: 680 mln USD per il fotovoltaico USA

Jennifer M. Granholm, segretario all'Energia degli Stati Uniti
Questi investimenti in tecnologie solari americane sono la perfetta incarnazione della strategia del presidente Biden di costruire la produzione nazionale e le catene di fornitura per le industrie critiche. Come partner del nostro programma solare dal 2003 e beneficiario di una garanzia di prestito del DOE nel 2012, questa azienda è un grande esempio di come gli investimenti e l'innovazione possono costruire il futuro dell'energia pulita proprio qui a casa, consolidando la competitività americana e portando posti di lavoro ben pagati in tutte le tasche del Paese.

Si prevede che l'impianto da 1,8 milioni di piedi quadrati creerà direttamente circa 500 posti di lavoro e produrrà un modulo fotovoltaico a film sottile migliorato per il mercato solare su scala industriale negli Stati Uniti, che dovrebbe avere un'efficienza e una potenza maggiori in un fattore di forma più grande. La capacità di produzione aggiuntiva di questo impianto, quando sarà disponibile, dovrebbe anche aiutare a mitigare le sfide che si stanno verificando attualmente nel mercato globale del trasporto marittimo, riducendo il divario transoceanico tra l'offerta internazionale e la domanda interna.

Mark Widmar, amministratore delegato di First Solar
Abbiamo detto che siamo pronti a sostenere l'obiettivo del Presidente Biden di portare l'America verso un futuro pulito e sicuro dal punto di vista energetico, e la nostra decisione di raddoppiare la nostra capacità produttiva negli Stati Uniti con questo nuovo impianto è la dimostrazione che First Solar sta mantenendo questo impegno. Questo impianto rappresenterà un significativo balzo in avanti nella produzione del fotovoltaico, una vera fabbrica del futuro. Sfrutterà la nostra posizione di vantaggio all'intersezione di efficienza, rendimento energetico, fattore di forma ottimizzato e competitività dei costi, mentre guida la nostra flotta di produzione nel fornire la più alta efficienza e potenza, e il più basso costo per watt.

L'impianto sarà uno dei più avanzati del suo genere nell'industria solare, permettendo a First Solar di produrre una media prevista di un modulo ogni 2,75 secondi circa nei suoi tre stabilimenti in Ohio, una volta raggiunta la sua piena capacità produttiva. L'impianto combinerà lavoratori altamente qualificati con l'architettura dell'Industria 4.0, la comunicazione da macchina a macchina, l'intelligenza artificiale e la connettività dell'IoT per produrre un più alto grado di automazione, precisione e miglioramento continuo.

I moduli a film sottile di First Solar

Progettati e sviluppati nei suoi centri di ricerca e sviluppo (R&S) in California e Ohio, i moduli fotovoltaici avanzati a film sottile della First Solar stabiliscono dei parametri di riferimento per la qualità, la durata, l'affidabilità, il design e le prestazioni ambientali. Ogni modulo presenta uno strato di semiconduttore Cadmium Telluride (CadTel) che è solo il 3% dello spessore di un capello umano e l'azienda continua a ottimizzare la quantità di materiale semiconduttore utilizzato migliorando il suo processo di deposizione del vapore. First Solar gestisce anche un programma di riciclaggio avanzato che recupera più del 90% di CadTel per l'uso in nuovi moduli.