Commissione europea approva i PPA per rispondere ai rincari

Commissione europea approva i PPA per rispondere ai rincari

Le energie rinnovabili sono fondamentali per realizzare l'ambizione energetica e climatica dell'Europa - ridurre le emissioni di gas serra del 55% entro il 2030. A RE-Source 2021 le aziende leader a livello mondiale di diversi settori dell'economia hanno sottolineato il proprio impegno a sostenere la transizione dell'Europa verso un sistema di energia rinnovabile. L'evento di quest'anno arriva solo un giorno dopo che la Commissione europea ha approvato gli accordi di acquisto di energia rinnovabile (PPA) come parte della risposta all'aumento dei prezzi dell'energia. L'attuale impennata dei prezzi non farà che aumentare la domanda di PPA, dato che le aziende cercano di proteggersi dalla volatilità dei prezzi dell'energia.

RE-Source 2021

Mentre il sourcing aziendale ha un impulso significativo, oltre 700 esperti si sono incontrati ad Amsterdam per RE-Source 2021 il 14-15 ottobre. La conferenza di due giorni aveva l’obiettivo di facilitare i PPA aziendali sulle energie rinnovabili, collegando gli acquirenti aziendali e i fornitori di energia rinnovabile. I leader aziendali di diversi settori rafforzeranno i propri impegni di decarbonizzazione aziendale, a seguito della discussione sulle politiche necessarie per portare il sourcing aziendale di energia rinnovabile a un livello successivo.

Commissione europea, toolbox per affrontare i rincari energia

L'evento arriva appena un giorno dopo che la Commissione europea ha presentato un pacchetto di strumenti per guidare gli Stati membri dell'UE su come affrontare gli attuali prezzi elevati di gas ed elettricità. I prezzi dell'elettricità hanno raggiunto livelli record in molti paesi dell'UE nelle ultime settimane. La ragione principale è l'alto prezzo del gas, derivante dalla ripresa dell'attività economica post-Covid e dai limiti dell'offerta.

La toolbox della Commissione europea nomina i PPA come uno strumento importante per proteggere le imprese europee dagli sviluppi volatili del mercato. I PPA sono tipicamente firmati per lunghi periodi, garantendo ai consumatori aziendali un prezzo fisso dell'elettricità e coprendo i rischi di mercato. La Commissione incoraggia gli Stati membri a facilitare un più ampio accesso ai PPA oltre le grandi imprese, comprese le PMI, anche attraverso l'aggregazione della domanda degli utenti finali, nel rispetto delle regole della concorrenza. Gli Stati membri dovrebbero anche affiancare i PPA attraverso eventi di matchmaking, contratti standard e de-risking attraverso prodotti finanziari InvestEU.

Walburga Hemetsberger, CEO di SolarPower Europe
L'attuale crisi dei prezzi dell'energia dimostra l'urgente necessità per le imprese di investire in elettricità rinnovabile affidabile e a basso costo. La Commissione europea ha riconosciuto l'importanza strategica degli accordi di acquisto di energia rinnovabile per il continente e attendiamo con ansia che la Commissione fornisca agli Stati membri ulteriori indicazioni sui quadri PPA prima del 2023. La buona notizia è che i PPA e l'approvvigionamento in loco sono in pieno boom in Europa, per un altro anno da record. Possiamo andare ancora oltre e più velocemente accelerando lo sviluppo di quadri normativi per i PPA, adottando misure abilitanti come contratti standardizzati e creando incentivi per gli utenti finali.

Continua il boom delle fonti rinnovabili aziendali

L'approvvigionamento aziendale di energia rinnovabile continua a crescere in tutta Europa. Gli accordi di acquisto di energia (PPA) e l'approvvigionamento in loco sono idonei a raggiungere un altro anno record. A pochi mesi dal termine, il volume dei PPA firmati nel 2021 ha già superato i 3,5 GW firmati nel 2020, rendendo il 2021 l'ottavo anno record di fila. Anche le installazioni commerciali e industriali europee in loco stanno godendo di una rapida crescita, con previsioni che mostrano che potrebbero raggiungere una capacità totale di 407 GW entro il 2030. L'attuale impennata dei prezzi dell'energia probabilmente aumenterà ulteriormente la domanda di PPA aziendali per le energie rinnovabili, dato che le aziende cercano di proteggersi dalla volatilità dei prezzi dell'energia.

I PPA non sono limitati ai grandi consumatori aziendali di elettricità. Mentre il mercato europeo dei PPA aziendali cresce, un gruppo sempre più diversificato di organizzazioni sta firmando PPA e accordi in loco, tra cui città, PMI, università e agenzie statali. RE-Source 2021, in particolare, mostra le storie di successo in una sessione sugli acquisti delle città. La piattaforma RE-Source e RECS International rilasceranno anche un rapporto su "Garanzie di origine e opzioni di approvvigionamento aziendale", volto a sostenere questi nuovi acquirenti.

RE-Source 2021 dimostra anche la continua innovazione dei PPA. Le aziende iniziano a far corrispondere la loro domanda aziendale con la fornitura di elettricità pulita su una base oraria più granulare. La corrispondenza oraria 24/7 può migliorare la trasparenza e la responsabilità dell'acquisto di energia rinnovabile. La 24/7 Task Force, coordinata dalla RE-Source Platform e da Eurelectric, ha presentato anche un white paper che esplora come consentire una maggiore adozione di 24/7 matching nel secondo giorno della conferenza.

Hannah Hunt, Impact Director della piattaforma RE-Source
La domanda aziendale di elettricità rinnovabile rimane ininterrotta. Già prima dell'inizio ufficiale del nostro evento RE-Source 2021, si sono tenuti 210 incontri nell'ambito della nostra piattaforma B2B Matchmaking. RE-Source 2021 dimostra che i PPA non sono più una cosa di poche grandi aziende. Il lavoro della piattaforma RE-Source li rende sempre più accessibili alle piccole e medie imprese e alle organizzazioni pubbliche. E le recenti raccomandazioni del commissario per l'energia Simson non faranno che aumentare il numero di imprese che cercano di approvvigionarsi di elettricità rinnovabile.

Tagged under: rinnovabili energia PPA